Brescia Calcio, sequestro da 55 milioni a Cellino. Lui: “Non sono un disonesto”

Brescia, 26 lug. (Adnkronos) – “Sono mortificato. Mi hanno fatto proprio un bel regalo di compleanno, che è dopodomani. Stavo partendo per raggiungere la famiglia, ho annullato tutto. Gli avvocati parlano di diritto, io su certe cose rimango un po’ male, credo nei valori umani più che in quelli giuridici. Poi, non nascondo che il purgatorio me lo sono guadagnato, ma all’inferno non ci andrò”. Massimo Cellino, presidente del Brescia Calcio, commenta così il sequestro preventivo di beni e disponibilità finanziarie, per oltre 55 milioni di euro, disposto nei suoi confronti militari della Guardia di Finanza coordinati dalla Procura Distrettuale della Repubblica di Brescia.

Per informazioni scrivere a: info@tfnews.it