Cinema: Silvio Orlando, ‘quello dell’attore è il mestiere più politico che ci sia’

Roma, 23 giu. (Adnkronos) – “Gli attori della mia generazione pensavano di essere soggetti politici: il nostro essere ‘umani’ serviva, la nostra opinione era importante. Gli attori di oggi hanno un atteggiamento più timido, li vedo più impauriti. Oggi ci sono attori in media molto più bravi di noi come apparato tecnico, ma forse noi avevamo in più questo fatto di sentirci utili alle sorti del mondo. Per me, quello dell’attore è uno dei mestieri più politici che ci siano”. Parola di Silvio Orlando, che ha incontrato i giornalisti al Filming Italy Sardegna Festival dove è ospite e ha tenuto una masterclass per i ragazzi.

Per informazioni scrivere a: info@tfnews.it