Cybersecurity, Foti (Fondazione Magna Grecia): “Pmi non sono in grado di difendersi da minacce”

Roma, 14 giu. (Adnkronos) – “Le mafie e le organizzazioni criminali sono prevalentemente nel Mezzogiorno, anche se operano” grazie alla tecnologia a livello mondiale. Dopo “aver fatto lo scorso anno un rapporto sull’influenza dei social – TikTok, Instagram, Facebook – sulla criminalità organizzata” è stato attivato “un centro di ricerca” seguito da “un secondo studio sul cybercrime” realizzato con esperti che “si occupano di cybersecurity” i quali sanno che “il sistema produttivo italiano è composto per il 94,5% di piccole-micro imprese che non sono nelle condizione di dotarsi di strumenti sulla cybersecurity”. Lo ha detto Nino Foti, presidente della Fondazione Magna Grecia, intervenendo questa mattina, a Montecitorio, alla presentazione del rapporto ‘Cyber organized crime – Le mafie nel cyberspace’, realizzato dalla stessa Fondazione che “normalmente – continua Foti – si occupa di sviluppo economico, culturale, sociale, di sviluppo dei territori, dà una mano, per quanto può, in un divario, in una situazione sempre più difficoltosa del nostro Mezzogiorno e che non poteva non occuparsi anche di questi aspetti”.

Per informazioni scrivere a: info@tfnews.it