Infortuni, Margiotta (Confsal): “Meglio prevenire che punire”

Roma, 24 nov. (Adnkronos) – “Nonostante i provvedimenti presi l’Inail ci dice che gli infortuni sul lavoro sono aumentati, servono quindi misure più efficaci”. Così Angelo Raffaele Margiotta, il segretario generale della Confsal in occasione del meeting “Safety Confsal” che si è svolto oggi a Bologna durante la fiera “Ambiente Lavoro”. La Confederazione Generale Sindacati Autonomi dei Lavoratori rilancia da Bologna le proprie proposte per combattere una delle principali piaghe del nostro paese: gli infortuni e le morti sul lavoro. I numeri, secondo i dati forniti dall’Inail, spiegano come infortuni, morti e malattie professionali continuino a crescere. Le denunce di infortunio sul lavoro presentate nei primi nove mesi del 2022 sono state 536.002 (+35,2% rispetto allo stesso periodo del 2021), con il dato ormai consolidato dal 2015 di 3 morti al giorno. Costi sociali e grande dolore per i famigliari, ma anche economici per lo Stato, visto che il costo di morti, malattie professionali e infortuni è stimato nel 6,3% del Pil.

Per informazioni scrivere a: info@tfnews.it