Milano: trapper Daxter ‘spaccio per disperazione’ ma la giudice lo bacchetta

Milano, 21 giu. (Adnkronos) – “Sono venuto a Milano per fare musica, la trapper va di moda adesso, avevo firmato qualche contratto, ma ci sono spese esagerate e per la disperazione mi sono messo a fare una cosa che non avrei mai fatto, penso di avere sbagliato”. Sono le parole che il trapper Daxter, al secolo Eraldo Cekrezi, 25enne albanese, cresciuto negli ultimi anni nella scena hip hop milanese, ha rivolto alla giudice Valeria Recaneschi che ha convalidato l’arresto per spaccio e disposto il divieto di dimora a Milano e provincia, ma lo ha anche ‘bacchettato’: “Si può anche andare a lavorare…”.

Per informazioni scrivere a: info@tfnews.it