Radiologia medica, l’innovazione è nell’intelligenza artificiale

Milano, 21 giu. (Adnkronos Salute) – Stanno cambiando il volto della radiologia medica e le hanno permesso una incredibile evoluzione in pochi anni. Sono 10 nuove tecnologie tra cui spicca, per innovazione, l’intelligenza artificiale. Oggi, per esami non invasivi come Tac o risonanza magnetica, è possibile ottenere diagnosi immediate ed estremamente accurate, intervenire sulle patologie quando sono ancora agli stadi iniziali, personalizzare le terapie in base al singolo paziente e garantire risultati migliori con minori effetti collaterali, ma anche prevederne gli esiti in modo preciso. Questo sviluppo eccezionale della disciplina, inimmaginabile solo qualche anno fa – si legge in una nota – incide positivamente sulla qualità di vita dei pazienti e ha ricadute concrete, come la più rapida individuazione dei tumori, la minore dose di radiazioni durante le radiografie e la riduzione dei tempi di attesa anche nei pronto soccorso. E’ il tema al centro della seconda giornata del 51esimo Congresso nazionale della Società italiana di radiologia medica e interventistica (Sirm), che riunisce fino a domenica 23 giugno, a Milano, 8mila specialisti provenienti da tutta Italia.

Per informazioni scrivere a: info@tfnews.it