Ustica: Rampelli, ‘è ancora un mistero, parlino Francia e America’

Roma, 27 giu. (Adnkronos) – “Quarantaquattro anni senza verità e senza giustizia. Nell’anniversario della strage di Ustica si rinnovano il dolore e la rabbia per l’immane tragedia che ha colpito le famiglie delle vittime e l’Italia intera. Non ci sono mai piaciute le verità di comodo. Troppi indizi e troppe coincidenze ci portano a pensare che sui cieli d’Italia si consumò un atto di guerra tra una potenza occidentale e il regime libico, come qualche tempo fa rivelarono Giuliano Amato e l’ex presidente Francesco Cossiga. Chi sa parli, Francia e Stati Uniti facciano un’ ulteriore indagine sui tracciati della base corsa e su quelli della portaerei Saratoga, perché di fronte a 80 vittime innocenti e al dolore dei familiari sopravvissuti si può solo consegnare ad assai parziale risarcimento, la verità”. Lo dichiara in una nota il vicepresidente della Camera dei deputati Fabio Rampelli di Fratelli d’Italia.

Per informazioni scrivere a: info@tfnews.it