Commissione UE richiama 6 Stati membri per il coordinamento delle frontiere

La Commissione UE richiama gli Stati membri a tornare ad un approccio coordinato sulla libertà di movimento delle persone e delle merci.

Il Commissario Europeo alla Giustizia, Didier Reynders, a margine del Consiglio Affari Generali della UE ha detto:”Chiediamo di tornare ad un’applicazione corretta delle raccomandazioni adottate dal Consiglio UE. Abbiamo inviato una lettera a sei Stati membri sul divieto di ingresso e uscita dal Paese, perché sono andati troppo oltre”. Possono scoraggiare i viaggi ma non vietarli”.

Il richiamo della Commissione UE di Giustizia

Chiediamo a sei Stati membri un approccio diverso alla frontiera, di non bloccare i camionisti perché vogliamo una libera circolazione delle merci nel nostro mercato interno“, ha aggiunto il Commissario UE. I Paesi che hanno ricevuto la lettera di richiamo dalla Commissione europea per le misure troppo restrittive alle frontiere interne sono Germania, Belgio, Ungheria, Finlandia, Danimarca e Svezia. Lo apprende l’ANSA a Bruxelles.


Il Portavoce della Commissione Europea per la Giustizia, Christian Wiegand avverte che i sei Stati membri “hanno dieci giorni per rispondere“, mentre Bruxelles “monitora da vicino i loro passi. Siamo fiduciosi di poter trovare soluzioni con i sei Stati al più presto, senza dover intraprendere passi legali che possono essere lunghi. Trovare soluzioni è nell’interesse di tutti”, ha detto.

“Rischiamo frammentazioni e interruzioni alla libertà di movimento e alle catene di approvvigionamento”, ha insistito il portavoce, spiegando che già la settimana scorsa i commissari Reynders e Johansson avevano inviato lettere a tuti gli Stati membri, “per ricordare loro di aver concordato un approccio comune e coordinato, per gestire le restrizioni alla libertà di movimento”.

Il contenuto e le indicazioni nelle lettere della Commissione europea

Ieri invece la Commissione Europea ha inviato sei lettere, “sollevando preoccupazioni specifiche” ai sei Stati membri, che attualmente applicano misure più rigide di quanto previsto dalle raccomandazioni, in particolare sull’ingresso e l’uscita dal Paese. Nelle lettere – ha sottolineato Wiegand – si ricorda la necessità che le restrizioni alla libertà di movimento siano proporzionate e non discriminatorie. E si sollecitano gli Stati ad avvicinare le proprie regole alle raccomandazioni del Consiglio concordate”.

Sul certificato di vaccinazione “vogliamo avere un approccio digitale europeo per uso medico. Nei prossimi mesi poi vedremo se ci sarà la possibilità di usarlo per altri scopi, come i viaggi. Ma la vaccinazione non può diventare un obbligo per viaggiare”, ha spiegato Reynders. Anche chi non si è sottoposto all’immunizzazione deve poter continuare” a muoversi, “con l’uso dei test e dei periodi di quarantena”.

Autore:

Redazione

Per informazioni scrivere a: info@tfnews.it