covid in italia - ospedale - terapia intensiva

Covid-19 in Italia: continua la crescita dei positivi e il tasso sale al 2,2%

Sono 12.448 i positivi ai test Covid individuati nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute, ieri erano stati 10.047, invece 85 le vittime in un giorno. Ieri erano state 83.

Sono 562.505 i tamponi molecolari e antigenici. Ieri erano stati 689.280. Il tasso di positività è al 2,2%, in salita rispetto all’1,4% di ieri. Sono invece 573 i pazienti in Terapia Intensiva in Italia, 13 in più rispetto a ieri nel saldo tra entrate e uscite. Gli ingressi giornalieri sono 49. I ricoverati con sintomi nei reparti ordinari sono 4.629, ovvero 32 in più rispetto a ieri.

Sono 562.505 i tamponi molecolari e antigenici. Ieri erano stati 689.280. Il tasso di positività è al 2,2%, in salita rispetto all’1,4% di ieri. Sono invece 573 i pazienti in terapia intensiva in Italia, 13 in più rispetto a ieri nel saldo tra entrate e uscite. Gli ingressi giornalieri sono 49. I ricoverati con sintomi nei reparti ordinari sono 4.629, ovvero 32 in più rispetto a ieri.

Bisogna vaccinare i bambini perchè se si ammalano c’è un rischio che abbiano complicanze anche gravi. E bisogna parlare del Long Covid, perchè forse il 40enne non va in terapia intensiva ma così come nei bambini dopo ci possono essere dei disturbi che durano a lungo, perchè il virus attacca più organi“. Lo ha detto il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri a Timeline su SkyTg24. Il vaccino per i bambini, ha aggiunto, “sarà disponibile dai primi di dicembre”. Lo“Dal punto di vista logistico per vaccinare i bambini verranno utilizzati in gran parte gli hub esistenti con dei percorsi dedicati ai piccoli. Serve un’informazione trasparente e spiegare ai genitori perchè serve fare la vaccinazione”.

Il Sottosegretario e medico immunologo Pierpaolo Sileri ha detto “A Natale consentirò che entrino a casa mia solo persone che sono vaccinate, non voglio mettere a repentaglio la salute dei miei figli, nè la salute dei miei genitori. Bisogna ridurre le chance che qualcuno mi porti il virus a casa . Consigliamo poi di usare la mascherina Ffp2 sui mezzi pubblici, lo consigliamo ma non c’è l’obbligo. Il super Green Pass durerà un periodo ristretto di tempo, cioè sarà temporaneo“.

Sul vaccino ai bambini è verosimile che la decisione venga anticipata di uno o 2 giorni rispetto a quello che s’era detto, cioè il 29 novembre, insomma è imminente, direi che ai primi di dicembre sarà disponibile il vaccino per la fascia d’età tra i 5 e gli 11 anni. E per loro non è previsto Green Pass o obbligo“.

Sileri a Timeline su SkyTg24 si è dichiarato favorevole e d’accordo con il Ministro della Salute tedesco Spahn: “Sono d’accordo con quello che è stato detto in Germania: finiremo questa quarta ondata o vaccinati, o guariti o morti. Senza sì e senza ma. E manca anche una parte perchè anche chi è guarito potrebbe portarsi appresso il long Covid”. 

Tra oggi e domani è possibile che Ema anticipi rispetto a fine novembre” la decisione sul vaccino per la fascia 5-11 anni e se l’autorità regolatoria europea si esprime tra oggi, domani o dopodomani “penso sia molto verosimile” avere il via libera in Italia lunedì prossimo. Così si è espresso il Presidente dell’Agenzia Italiana del Farmaco (Aifa), Giorgio Palù, a SkyTg24 rispondendo a una domanda sulla data per l’ok al vaccino per i più piccoli, inizialmente indicata dall’Ema per il 29 novembre prossimo. Per i bambini, spiega Palù, il quadro sta cambiando e “il rischio dell’infezione sta diventando molto superiore al rischio del vaccino. Guardando i numeri, c’è una crescita del contagio ma non è un contagio ad andamento esponenziale come era l’anno scorso ma ad andamento lineare. Alcune Regioni stanno superando la soglia critica di ricoveri in area medica e rianimazione ed ecco perchè dobbiamo guardare con molta attenzione all’evolversi della pandemia“.

Per informazioni scrivere a: info@tfnews.it