studio coronavirus

Covid-una ricerca italiana svela le cause genetiche degli asintomatici

Un’equipe di ricercatori italiani ha scoperto che a determinare l’assenza di sintomi nei soggetti infettati da Coronavirus sono tre mutazioni genetiche rare.

E’ ricca di implicazioni la scoperta dei fattori genetici all’origine dei casi asintomatici pubblicata sulla rivista Genetics in Medicine, dal Ceinge-Biotecnologie di Napoli. Averle scoperte significa sia poter prevedere se un individuo che contrae l’infezione potrà non avere i sintomi o averli in modo non grave, sia avere gli strumenti per  portare all’introduzione di nuove terapie e nuove tecniche di diagnosi.

I geni coinvolti nelle infezioni asintomatiche sono tre, e appartengono alla famiglia delle proteine della lectina, la proteina coinvolta nel processo di riconoscimento cellulare.

Una ricerca tutta Italiana

Lo studio è stato condotto dall’equipe del Ceinge-Biotecnologie di Napoli diretto da Mario Capasso e Achille Iolascon, docenti di Genetica medica dell’Università Federico II di Napoli.  I ricercatori hanno reso i dati disponibili online ,a tutti i ricercatori del mondo.Inoltre ,all’indagine,  hanno collaborato anche Pellegrino Cerino, afferente all’Istituto Zooprofilattico di Portici, e Massimo Zollo, coordinatore della task-force Covid del Ceinge e docente di Genetica della Federico II.

Gli esperti hanno incentrato lo studio sull’analisi genetiche da campioni di DNA prelevati da circa 800 individui classificati come asintomatici al Covid pur presentando fattori di rischio come, ad esempio, l’età avanzata.

Per informazioni scrivere a: info@tfnews.it