balene franche

Le balene franche si stanno rimpicciolendo per colpa delle reti da pesca

Le balene franche del nord Atlantico si stanno facendo sempre più magre e corte. In base a un recente studio i giganti che vivono nelle profondità marine si stanno rimpicciolendo a ritmo spaventoso.

Emerge dallo studio che gli esemplari più giovani di balena franca nordatlantica (Eubalaena glacialis) sarebbero circa un metro più piccoli rispetto ai loro antenati.

Nel passato, scienziati e attivisti si sono concentrati solo sulla morte degli animali, ma ora si è compreso che esiste un problema anche per queste balene ancora vive. La diminuzione nella taglia degli animali è infatti una minaccia per la sopravvivenza dell’intera specie, perché la natalità sta diminuendo. Questo perché non sono abbastanza grandi per nutrire i cuccioli o anche addirittura per procreare. Questi mammiferi marini prima arrivavano ad una lunghezza media di ben 14 metri, mentre la generazione attuale non riesce a superare la soglia dei 13 metri.

I ricercatori di questo studio hanno fotografato 129 esemplari di balena franca e hanno utilizzato un software per compararli ad esemplari della stessa età vissuti venti anni fa. Le foto hanno evidenziato chiaramente che la prima causa del rimpicciolimento della taglia degli animali deriva dal fatto che questi rimangono spesso impigliati nelle reti da pesca. Infatti, più dell’83% degli esemplari della specie è rimasto intrappolato in una rete almeno una volta nella vita. Un altro problema è rappresentato dalla collisione con le imbarcazioni, che causa traumi a molti abitanti del mare.

A partire dal 2010 la crisi climatica ha causato progressivamente lo spostamento del plankton che questi animali mangiano verso nord e verso est, in aree in cui non esistono regole per la pesca selvaggia. Quindi questi animali si  sono allontanati dalle aree protette e il cambiamento di habitat ha provocato stress fisico alle balene franche nordatlantiche, già provate da una forma fisica non smagliante rispetto alle specie che vivono nel sud dell’oceano.

Per informazioni scrivere a: info@tfnews.it