sanremo

Maneskin tornano all’Ariston, super ospiti nella prima puntata del Festival di Sanremo

L’annuncio era nell’aria da tempo, ma Amadeus lo ha confermato. “Sono la band più importante, il gruppo più cercato, amato, desiderato al mondo” ha detto il Direttore Artistico del Festival. I Maneskin, che un anno fa hanno travolto il festival trionfando con Zitti e Buoni, sono effettivamente sul tetto del mondo. Erano in collegamento da Los Angeles dove Damiano, Victoria, Thomas ed Ethan si sono esibiti ieri sera all’iHeartRadio ALTer Ego 2022 di Los Angeles, in lineup insieme a Coldplay, Kings of Leon, Twenty One Pilots e Imagine Dragons.

Tornare all’Ariston “sarà una grandissima emozione: lì è iniziato tutto questo“, ha commentato Victoria in collegamento da Los Angeles. “Vogliamo ringraziare tantissimo Amadeus per aver creduto nel nostro pezzo: è stato il punto di svolta perché è da lì che abbiamo avuto queste grandissime opportunità, tornare sarà davvero bello“, ha aggiunto mentre Damiano ha sottolineato “Non vediamo l’ora di tornare per fare le prove e rivedere tutta la crew di Sanremo“.
I Maneskin “conoscono l’affetto che io e tutto il pubblico abbiamo per loro: è bastato un mio invito fatto con il cuore per avere l’affetto loro e il loro sì a essere a Sanremo nella prima serata“, ha detto Amadeus durante un’intervista al Tg1. “Sono veramente forti e lo hanno dimostrato, stanno facendo un percorso perfetto: li aspetto a braccia aperte e tutto il pubblico italiano li aspetta a braccia aperte. Sono i super protagonisti della prima serata e non poteva essere altrimenti, perché molte delle cose importanti sono partite dall’Ariston. Li ringrazio per aver accettato l’invito a tornare“.

I quattro giovani romani sono al top mondiale: sabato 22 gennaio parteciperanno al popolare show americano, il Saturday Night Live e  sono appena stati annunciati anche al Coachella, (Indio, California, 17 e 24 aprile 2022), prima rock band italiana a suonare all’iconico festival, in cartellone con i più importanti artisti internazionali come Harry Styles, Billie Eilish, Ye, Swedish House Mafia.

Da Sanremo dove è partito tutto alla vittoria all’Eurovision e all’enorme straordinario successo in America, con due milioni di singoli venduti. Un successo eccezionale quello negli Stati Uniti, iniziato lo scorso autunno con due speciali live a New York e Los Angeles e la presenza come special guest al concerto dei Rolling Stones a Las Vegas.

I Måneskin sono stati inoltre ospiti del Tonight Show con Jimmy Fallon e del popolare talk-show The Ellen DeGeneres Show e vantano una candidatura agli American Music Awards 2021 – in cui si sono esibiti con una straordinaria performance – come “Favorite Trending Song” con “Beggin'”. Con la conquista della #1 posizione nella classifica US Rock Airplay, il brano segna la più rapida ascesa per una nuova band alla numero uno nella US Alternative Airplay negli ultimi 24 anni, oltre a battere il record di permanenza rimanendo al primo posto per 10 settimane consecutive. La canzone è certificata disco di platino con 1 milione di copie vendute, mentre “I WANNA BE YOUR SLAVE” è disco d’oro con 500 mila copie. Sono stati nominati da Billboard come Best New Artist dell’anno e hanno ricevuto il prestigioso invito da parte dell’Academy al museo dei Grammy per leggere alcune delle nomination della 64esima edizione.

La band porterà live le sonorità dell’album “Teatro d’Ira – Vol.I” , certificato disco di platino e con oltre un miliardo di ascolti su Spotify, nel corso dell’estate 2022, con una tournée che li vedrà protagonisti dei più importanti festival europei e del mondo – oltre al Coachella -, come il Rock in Rio, il Rock Am Ring, il Reading & Leeds Festival e il Lollapalooza. Ulteriori date saranno annunciate presto.

Con 6 dischi di diamante, 133 platino e 34 oro a livello globale e quasi 4 miliardi di streaming su tutte le piattaforme digitali, i Måneskin sono gli italiani più ascoltati al mondo su Spotify nel 2021, anno che li ha visti protagonisti di numerosi successi, dal primo posto al 71° Festival di Sanremo e all’Eurovision Song Contest con il brano “ZITTI E BUONI” (cinque dischi di platino, contenuto nell’album “Teatro d’Ira – Vol. I”) fino al premio “Best Rock” agli MTV EMAs, la prima vittoria di un artista italiano in una categoria internazionale, la doppia nomination ai BRIT Awards come “International Group” e “International Song” e l’inclusione di “I WANNA BE YOUR SLAVE” (triplo disco di platino) nella “Top 10 Tracks of 2021” secondo BBC

Autore:

Redazione

Per informazioni scrivere a: info@tfnews.it