ostia omicidio suicidio

Ostia: omicidio suicidio. Uccide la moglie e poi si butta dalla finestra

Daniela Gusmini, hostess Alitalia in pensione, è il nome della donna uccisa ad Ostia; Alberto Riservato è il nome di chi l’ha uccisa e che dopo si è buttato dal terzo piano.

La coppia, marito e moglie, vivevano ad Ostia in un appartamento di via dei Velieri. L’ultima volta che li hanno visto i vicini stavano tornando in casa mano nella mano come una coppia di innamorati. Ma quello che stava passando Daniela Gusmini non era un periodo positivo. Malata di tumore e da poco sottoposta ad un intervento chirurgico. Ed è questo fatto che i Carabienieri stanno valutando. La possibilità dell’omicidio da parte del marito per la troppa sofferenza della moglie.

Secondo una prima ricostruzione, in casa non ci sarebbero stati segni di colluttazione e la porta era chiusa dall’interno. La tragedia si è consumata intorno alle 9 di questa mattina 22 luglio; sono stati i vicini a sentire le grida e a chiamare i carabinieri.  I vicini di casa raccontano di aver udito delle urla provenire da un appartamento al terzo piano. Urla a cui ha fatto seguito il silenzio e poi un tonfo, quando il marito della pensionata di 76 anni si è gettato dalla finestra del bagno. 

Daniela Gusmini è stata trovata priva di vita a causa delle coltellate ricevute alla gola dal marito. Alberto Riservato invece è morto sul colpo dopo essersi gettato dalla finestra. Sul posto due ambulanze e i Carabinieri della stazione e della Compagnia di Ostia che hanno dovuto forzare la porta d’ingresso con l’aiuto dei Vigili del Fuoco, che come detto, era chiusa dall’interno. La casa si è presentata in ordine e senza segni di colluttazione. 

Accertato il decesso le salme dei due coniugi sono state messe a disposizione dell’Autorità Giudiziaria che ne ha richiesto l’autopsia. Maricetta Tirrito, presidente del “Laboratorio Una Donna” ha commentato così la notizia: “ancora una volta le donne sono vittime di violenza. Quale che sia la motivazione, ci troviamo con un’altra vita spezzata per mano di un compagno nelle quattro mura di casa. Spesso, ed è questo il problema, le donne sono lasciate sole a vivere il loro dramma quotidiano finché non diventa tragedia“.

Per informazioni scrivere a: info@tfnews.it