Radici, un’orchestra formata da bambini “professionisti”

Radici, progetto composto da un’orchestra formata da oltre 30 bambini abruzzesi. Cantano le canzoni popolari della loro terra, l’Abruzzo, ascoltate,  magari, dai propri nonni o alle feste di paese.

Radici l’acronimo

Ricostruire l’avvenire di una comunità integrata, questo significa Radici, iniziativa promossa dall’Istituto Internazionale del Teatro del Mediterraneo di Teramo in Abruzzo, in collaborazione con quattro associazioni del settore spettacolo.

Il progetto

Progetto coordinato da Antonella Ciaccia, selezionando l’impresa sociale senza scopo di lucro Con i Bambini, che realizza progetti per “Fondo”, progetto  a sostegno del  contrasto della povertà educativa minorile e che  ha l’aiuto anche dell’Orchestra Popolare del Gran Sasso, pioniera nell’emergenza della povertà educativa.

Il debutto

L’orchestra è composta da bambini, a partire dai 7 anni, che suonano insieme a nonni e genitori, insieme a musicisti professionisti, guidati dall’etnomusicologo Carlo Di Silvestre.  La guest star è Eugenio Bennato. Il debutto è stato il 30 dicembre 2020, in diretta streaming, sulle pagine social di Radici.


L’iniziativa è stata accolta con grande entusiasmo, da tutto il pubblico, anche perché è stata inserita una tappa nel Controcorrente Tour. Il progetto Radici è sostenuto dal Ministero dei Beni Culturali e dalla Regione Abruzzo.

I bambini sono felici di far parte di questo progetto, che unisce tutte le parti deboli del territorio. Felici anche perché hanno imparato a suonare un nuovo strumento, stando accanto ai loro amici, divertiti anche perché ne hanno conosciuti di nuovi.

Per informazioni scrivere a: info@tfnews.it