Dieci anni fa la strage di Utøya. La mente di Anders Breivik

Norvegia, 22 luglio 2011. Due attacchi terroristici vengono ricordati come i più grandi della storia recente d’Europa: 77 morti, uccisi da un’unica persona, un estremista di destra. Il suo nome è Anders Breivik.

Alle ore 15:25 di dieci anni fa, l’uomo fece esplodere una bomba tra i palazzi governativi di Oslo, dopodiché, prese un furgone e raggiunse con il traghetto l’isola di Utøya. Qui uccise decine di persone, sparando senza pietà e senza essere fermato. Quando le Forze speciali riuscirono ad intercettare e fermare Breivik, le vittime erano troppe, ma lui, senza alcuna resistenza, si fece trovare armato e con le mani alzate.

Anders Breivik

Un estremista, una persona con i problemi alle spalle senza i rapporti con la famiglia e con diversi fallimenti lavorativi. Ecco chi era l’autore di quel massacro. Nel corso della sua vita, si era avvicinato a estremisti di destra, “maturando” idee razziste, misogine e contro i movimenti femministi e partiti di sinistra.

Non fu mai stato segnalato alle autorità nonostante non avesse mai nascosto le sue idee. Riuscì così a proseguire indisturbato nel suo intento e soprattutto, ebbe il tempo necessario per mettere da parte un certo numero di armi.


 

Isola di Utøya, il posto più sicuro del Paese

Ogni anno nell’isola di Utøya, si riunivano ragazzi e ragazze adolescenti per partecipare al campus estivo della Lega dei Giovani Lavoratori del Partito Laburista. La responsabile si chiamava Monica Bsei e insieme ai ragazzi, si trovava presso un edificio per ricevere notizie sull’attentato avvenuto poco prima a Oslo.

“L’isola è il posto più sicuro”. Cercava di tranquillizzarli con queste parole – Monica – ignara di ciò che sarebbe successo. Lei fu la prima a morire per opera di Breivik. I ragazzi, divennero mano a mano altre delle sue vittime, uccise mentre tentavano di fuggire. Alcuni si finsero addirittura morti, ma li trovò lo stesso.

Nell’isola furono uccise 69 persone tra i 14 e 51 anni, altre 500, invece, si salvarono gettandosi nel lago Tyrifjorden.

 

Breivik: l’idolo degli estremisti 

Ci mise nove anni a progettare l’attacco che costò la vita a 77 persone – fonti dichiarano che il numero delle vittime sia molto più alto. Anti-multiculturalista, anti-marxista, anti-islamista, è così che si definisce nel suo memoriale: 2083 – Una dichiarazione europea d’indipendenza.

Il gesto del terrorista ispirò molti gruppi estremisti, dando inizio a una serie di attentati negli anni successivi.

Durante il processo, iniziato il 16 aprile 2021, Breivik non si difese: fu condannato a 21 anni di carcere, il massimo della pena per la Norvegia.

Data la natura del suo attentato, non è difficile pensare che l’attacco al gruppo non sia stato casuale, ma nato da un sentimento di odio che l’uomo provava nei confronti di tutto ciò che significasse inclusione.

Per informazioni scrivere a: info@tfnews.it