suicidio assistito

Suicidio assistito: Ridolfi ha scelto la sedazione profonda

Il 46enne di Pesaro, Fabio Ridolfi, immobilizzato da 18 anni a letto a causa di una tetraparesi ha deciso per la sedazione profonda e continua.

A comunicarlo è stato lui stesso attraverso il puntatore oculare: “Da due mesi la mia sofferenza è stata riconosciuta come insopportabile. Ho tutte le condizioni per essere aiutato a morire. Ma lo Stato mi ignora. A questo punto scelgo la sedazione profonda e continua anche se prolunga lo strazio per chi mi vuole bene”. 

 “Fabio aveva un diritto, – dichiarano l’avv. Filomena Gallo, segretario nazionale Associazione Luca Coscioni e coordinatrice del collegio difensivo di Fabio Ridolfi, e Marco Cappato, tesoriere dell’Associazione -, quello di poter scegliere l’aiuto medico alla morte volontaria, legalmente esercitabile sulla base della sentenza 242 della Corte Costituzionale (Cappato\Dj Fabio). Un diritto che gli è stato negato a causa dei continui ritardi e dell’ostruzionismo di uno Stato che, pur affermando che ha tutti i requisiti previsti dal giudicato costituzionale e riconoscendo che le sue sofferenze sono insopportabili, gli impedisce di dire basta”.

 

Per informazioni scrivere a: info@tfnews.it