Filippine alla Cina:”basta minacce, risolviamo i conflitti”

Il Ministro degli Esteri filippino, Enrique Manalo, nel suo intervento a nome dei leader dei paesi dell’Associazione delle nazioni del sudest asiatico (Asean) e dell’Australia, riuniti oggi a Melbourne, ha denunciato  la minaccia o l’uso della forza per risolvere le controversie nella regione, un riferimento implicito alla Cina.

In una bozza di documento congiunto si legge –  Aspiriamo a una regione in cui la sovranità e l’integrità territoriale siano rispettate e dove le differenze siano gestite attraverso un dialogo rispettoso e non attraverso la minaccia o l’uso della forza.

Il zminustro afferma che –  “ tutti abbiamo  la responsabilità di plasmare la regione che vogliamo condividere: pacifica, stabile e prospera”, ha affermato il ministro degli Esteri australiano Penny Wong. “Questa responsabilità è più importante che mai, poiché la natura della regione è messa in discussione“.

Siamo di fronte ad azioni destabilizzanti, provocatorie e coercitive –  ha aggiunto – compresi comportamenti pericolosi in mare e in aria e la militarizzazione degli elementi contestati”,

Le mire espansionistiche di Pechino preoccupano i Paesi del Sud Est asiatico perché potrebbero gravemente compromettere i traffici commerciali in quel corridoio marittimo.

Le Filippine esortano la Cina a smettere di minacciare e si dicono intenzionate a risolvere pacificamente le controversie marittime tra Manila e Pechino.

Autore:

Redazione

Per informazioni scrivere a: info@tfnews.it