Migranti, cauzione Cpr in Italia: per l’Ue va decisa caso per caso

Secondo le direttive Ue le alternative alla detenzione devono passare il test di proporzionalità“. Lo afferma l’Unione Europea, commentando la norma che prevede la possibilità per un migrante irregolare in Italia di versare una cauzione da 4.983 euro per evitare la detenzione in una struttura di detenzione amministrativa.

La Commissione Europea è in contatto con le autorità italiane per capire di più sul tema.  “Importante avere le giuste salvaguardie, la somma della cauzione andrebbe decisa sulla base di una valutazione individuale della persona chiamata a pagarla“. Lo afferma la portavoce dell’Esecutivo Ue per le Migrazioni, Anita Hipper, durante un incontro con la stampa.

(Foto da Pixabay)

Autore:

Redazione

Per informazioni scrivere a: info@tfnews.it