Navalny, Farnesina convoca ambasciatore russo: “Fare chiarezza”

Fare chiarezza sulla morte di Alexei Navalny e mettere uno stop alla persecuzione del dissenso politico. Questi i due temi al centro della convocazione, oggi alla Farnesina, dell’ambasciatore russo Alexey Paramonov.

Come l’Italia così Finlandia, Spagna, Svezia, Francia e Polonia

“Vogliamo capire cosa è successo, se ci sono delle responsabilità, quando verrà restituito il corpo alla famiglia, insomma vogliamo fare chiarezza” ha spiegato il Ministro Tajani. “Ascolteremo il diplomatico di Mosca, come stanno facendo in tutta Europa, per capire e per dare anche un segnale: non si può soffocare la libertà e la democrazia”, aveva spiegato dalla Farnesina.

Tra ieri e oggi, infatti, a convocare i rispettivi ambasciatori russi sono state anche Germania, Finlandia, Spagna, Svezia, Francia e Polonia. I rappresentanti diplomatici hanno chiesto chiarimenti sulla morte del dissidente russo chiedendo un’inchiesta completa e trasparente.


Tajani aveva poi spiegato: “Non tocca a noi interferire nella vita politica degli altri Paesi. Ma quando si tocca la libertà, quando gli oppositori finiscono in carcere e muoiono, o perché uccisi o perché portati alla morte, e si dubita che c’è qualcosa che non va, noi abbiamo il dovere di difendere la libertà e la democrazia”.

(Screenshot IG)

Per informazioni scrivere a: info@tfnews.it