Strage Mosca, Ucraina: “Noi non c’entriamo”

Non ci sono indicazioni che l’Ucraina o gli ucraini siano coinvolti nell’attacco a Mosca contro la più grande sala concerti della capitale russa. Lo ha dichiarato il portavoce del consiglio per la Sicurezza nazionale Usa John Kirby. ”Stiamo esaminando l’accaduto, ma vorrei evitare in questo momento qualsiasi collegamento con l’Ucraina”, ha detto Kirby, dicendo che ”c’è bisogno di tempo e di acquisire informazioni”. ”Ci sono persone a Mosca e in Russia che si oppongono al modo in cui Putin governa il Paese, ma non credo che, in questo momento, che possiamo stabilire un collegamento tra l’attacco e le motivazioni politiche” aggiunge.

”L’Ucraina non ha nulla a che vedere con l’attacco terroristico al Crocus” City Hall a Mosca. Così il Consigliere presidenziale ucraino Mykhailo Podolyak. L’intelligence militare ucraina afferma che l’attacco di questa sera alla sala concerti Crocus è una provocazione organizzata dal regime di Putin, che la comunità internazionale aveva anticipato. “Questa è una consapevole provocazione dei servizi speciali di Putin per la quale eravamo stati avvertiti dalla comunità internazionale. Il tiranno del Cremlino ha cominciato così la sua carriera e ora vuole concluderla nello stesso modo: commettendo crimini verso i suoi cittadini”, ha detto Andrii Yusov, rappresentante dell’intelligence militare ucraina, a Ukrainska Pravda. Yusov si riferisce all’allerta per possibili attentati diramata due settimane fa dall’ambasciata americana a Mosca.

(Screenshot SKY)


Autore:

Redazione

Per informazioni scrivere a: info@tfnews.it