Esecuzione capitale sospesa in USA: il boia fallisce

Dopo otto tentativi andati a vuoto di trovare la vena di un detenuto condannato alla pena capitale, il serial killer Thomas Eugene Creech, i medici hanno gettato la spugna e la sua esecuzione ordinata mediante un’iniezione letale,  è stata sospesa.

Si tratta dell’ultima di una serie di esecuzioni interrotte negli Stati Uniti, molte per l’impossibilità di trovare una vena nei detenuti per la somministrazione del cocktail letale.

Una situazione che ha spinto diversi Stati americani a valutare alternative per la pena capitale, come l’azoto respirato attraverso una maschera da soffocamento. In Idaho è invece stato da poco approvato l’uso del plotone di esecuzione.

Creech, 73 anni, è n carcere da 50 anni ed è stato condannato per aver ucciso cinque persone ed è sospettato di essere l’autore di molti altri omicidi.

Autore:

Redazione

Per informazioni scrivere a: info@tfnews.it