Harry e Meghan arrivano in Italia. Ed è subito amore

Tutta l’Italia ha potuto vedere ieri sera l’intervista di Meghan e Harry rilasciata a Oprah Winfrey, nel Regno Unito invece sono passate più di 36 ore dalla sua mandata in onda. In tutta la giornata di ieri ci si aspettava il famoso comunicato stampa da parte della Regina; ci si aspettava il mega pippone durante il discorso del Commonwealth Day che non è arrivato. 36 lunghe ore ed ora arrivano finalmente i primi segni da palazzo. E non sono come quelli che ci aspettavamo. Siamo onesti tutti pensavamo che Elisabettaasfaltasse” Meghan e Harry, invece no. 

La Regina si dice “addolorata” dalle presunte frasi razziste a Palazzo su Archie, il figlio di Meghan e Harry, che proprio i duchi ribelli hanno rivelato nell’esplosiva intervista; in più si legge nel comunicato ufficiale di palazzo “questa vicenda, anche se ci potrebbero essere ricostruzioni divergenti, verrà presa assolutamente sul serio dalla Casa Reale a livello privato; Ciò perché le questioni sollevate dall’intervista, soprattutto quelle di carattere razziale, ci preoccupano. Harry e Meghan”, sottolinea la Regina, “rimarranno per sempre membri della famiglia molto amati da tutti“.

Il Regno Unito aspettava con ansia l’intervista

Il giorno dell’uscita in America, l’intervista è stata seguida da più di 17 milioni di persone; nel Regno Unito hanno assistito all’intervista più di 11 milioni di britannici. Questo fa capire quando importante fosse per la popolazione sentire quello che avevano da dire Harry e Meghan. Ieri in Italia le persone che hanno assistito alle domande di Oprah Winfrey alla Duchessa e Duca di Sussex erano più di 1,2 milioni.

Ma cosa ha colpito di più di tutta questa intervista? Al primo posto sicuramente la questione razziale, e su cui è molto incentrata l’intervista; l’accusa di razzismo su una presunta pelle più scura del piccolo Archie è stato l’argomento più trattato soprattutto su Twitter. Al secondo posto troviamo la notizia che Meghan voleva morire, togliersi la vita. Un altro passaggio importante che permetterà, parole loro, ad Harry di aprire gli occhi e capire di dover andare via per “evitare che la storia si possa ripetere. E per storia che si ripete intendo mia madre”.

Un terzo punto che ha fatto discutere, la questione Meghan e serie tv The Crow“, che viene anche nominata da Oprah; per tutti quelli che hanno visto la quarta stagione, potranno ritrovare un senso comune tra le scene e il racconto di Meghan: davanti alle telecamere, ai flash e al pubblico tutto deve essere come nelle favole. Ma a riflettori spenti la favola finisce e si torna ad essere Cenerentola. 

L’intervista di Harry e Meghan tanto attesa tanto quella di Diana

Ieri il canale TV8 ci ha permesso di trovare delle similitudini, tra quello che raccontava Meghan e la frase di Harry “evitare che la storia si possa ripetere“; in onda dopo l’intervista della coppia reale quella di Lady D del 1995. La Principessa del popolo parlò della sua vita a corte, della bulimia e di come si sentisse sola all’interno di quel palazzo d’orato che in realtà era una gabbia. 

Non è ancora chiaro quanto siano gravi le accuse della coppia ribelle; ma dopo un “conclave” di emergenza avvenuto nelle ultime 24 ore tra tutti i massimi responsabili della comunicazione dei Windsor e, si dice, con la partecipazione straordinaria di Carlo e William, alla fine si è deciso di evitare lo scontro frontale. Soprattutto quando l’unica ad essere stata nominata nell’intervista di Meghan e Harry è la moglie del futuro Re, Kate Middleton. Per Elisabetta II sia Meghan che Harry hanno utilizzato parole splendide, di rispetto e di stima. Parole che invece non sono uscite parlando di Kate e di Carlo che avrebbe tagliato i fondi alla coppia. 

Meghan dice di aver capito di non essere assolutamente protetta proprio per l’evento accaduto con Kate; “se non si sono schierati e non hanno preso una posizione per una questione cosi frivola, facendomi sentire “protetta”, come si sarebbero comportati per qualcosa di più grave?

Penny Junor, esperta di famiglie reali, ha definito questo “divorzio reale“, la più grave crisi a palazzo dal 1936, quando il re Edoardo VIII, vicino alle idee naziste, abdicò per Giorgio VI, il padre di Elisabetta II.

I Duchi di Sussex non hanno preso un penny

È importante ricordare che a inizio intervista Oprah precisa che “lei Meghan e il Principe Harry, non siete stati pagati per questo colloquio” facendo capire al mondo intero che quello che stavano facendo era dire la loro verità; “Mi sentivo intrappolato. In realtà tutta la mia famiglia è intrappolata nel sistema. Io ne sono uscito solo grazie a Meghan che mi ha aiutato ad aprire gli occhi“. Queste le parole che Harry ha usato quando Oprah gli fa notare che anche lui era all’interno della “ditta“.

Prima di prendere la decisione di allontanarmi parlai tre volte con la Regina, cui sono molto legato, e due volte con mio padre che mi pregò di mettere tutto per iscritto” continua il secondo genito di Carlo e Diana; “Abbiamo deciso di trasferirci in California inizialmente; noi avremmo voluto rimanere al servizio della Corona, e siamo ancora di questa idea di essere a disposizione di mia nonna la Regina. Certamente non pensavamo che avremmo iniziato un’attività di produttori con Netflix e Spotify. Ma avevamo bisogno di soldi per pagare le persone che tutelano la nostra sicurezza, visto che la mia famiglia ci ha tolto la scorta.” 

Meghan spiega anche perché sono andati a vivere a Vancouver: “abbiamo scelto un paese del Commonwealth proprio per essere sempre a disposizione della Corona se e quando la Regina avrà bisogno di noi“.

Sta di fatto che l’intervista di Harry e Meghan, come quella di mamma Diana, rimarrà nella storia della monarchia inglese e proprio come quella di Lady D servirà a portare dei cambiamenti non indifferenti a palazzo. 

Ora non ci resta di capire e di vedere come davvero si comporterà la Regina; la cosa più giusta sarebbe quella di riportarli a palazzo. Sempre che non ci pensi prima nonno Filippo.

Per informazioni scrivere a: info@tfnews.it