Istat, a ottobre aumento dei prezzi alla produzione dell’industria

A ottobre 2023 i prezzi alla produzione dell’industria aumentano dell’1,5% su base mensile e diminuiscono del 9,5% su base annua.

Sul mercato interno i prezzi crescono del 2,2% rispetto a settembre e flettono del 12,4% su base annua. Al netto del comparto energetico, i prezzi diminuiscono dello 0,3% in termini congiunturali e dell’1,3% in termini tendenziali. Sul mercato estero i prezzi si riducono dello 0,2% su base mensile e dello 0,9% su base annua.

A riportare questi dati l’Istat, che ha poi commentato quanto diffuso da mezzo stampa: “L’aumento congiunturale dei prezzi alla produzione dell’industria, a ottobre, si deve quasi totalmente al rialzo dei prezzi del comparto energetico – in particolare della fornitura di energia elettrica e gas – sul mercato interno; al netto di tale comparto, i prezzi sono in lieve calo.
Il ridimensionamento della loro flessione su base annua riflette l’attenuarsi della dinamica tendenziale negativa della componente energetica sempre sul mercato interno dove, per contro, si amplia la flessione tendenziale dei prezzi dei beni intermedi e rallenta ulteriormente la crescita su base annua dei prezzi dei beni di consumo (+3,5%, da +4,5% di settembre).
Per le costruzioni, il lieve calo su base mensile dei prezzi è dovuto al ribasso dei costi di alcuni materiali.
Per i servizi, l’aumento congiunturale dei prezzi nel terzo trimestre 2023 sottende dinamiche differenziate: si segnalano, da un lato, i rialzi per i servizi di trasporto merci su strada, di supporto alle imprese e di informazione, dall’altro, i ribassi per i servizi di trasporto aereo e marittimo”.

Autore:

Redazione

Per informazioni scrivere a: info@tfnews.it