Navalnaya: “Putin ha preso in ostaggio la salma di mio marito”

Torna a parlare in un videomessaggio Yulia Navalnaya, la moglie di Alexei Navalny, determinata a continuare la lotta per il marito morto in una prigione russa. La donna ha accusato il Presidente russo Vladimir Putin di aver preso in ostaggio il corpo del marito, per costringere la madre dell’oppositore ad accettare una sepoltura segreta.

Questo il contenuto del messaggio della Navalnaya: “Nove giorni da quando Putin ha ucciso mio marito. A quanto pare uccidere non è bastato, ora ha preso in ostaggio la sua salma, umiliando sua madre per costringerla ad accettare una sepoltura segreta“.

(Screenshot Social)

Autore:

Redazione

Per informazioni scrivere a: info@tfnews.it