Navalny, Tajani ha convocato l’Ambasciatore russo

Ieri il Ministro degli Esteri Antonio Tajani ha convocato l’Ambasciatore russo a Roma Alexei Paramonov, per avere chiarimenti sul caso Navalny. Lo riferiscono fonti della Farnesina.

Una iniziativa che fa seguito ad analoghe azioni  diplomatiche di altre capitali europee. Tra ieri e oggi a convocare i rispettivi ambasciatori russi sono state anche Germania, Finlandia, Spagna, Svezia, Francia e Polonia che ai Rappresentanti diplomatici hanno chiesto chiarimenti sulla morte del dissidente russo chiedendo un’inchiesta completa e trasparente.

In serata anche il Direttore Generale del Seae per l’Europa orientale, la Russia, l’Asia centrale, la cooperazione regionale e l’Osce, Michael Siebert, ha convocato oggi l’incaricato d’affari della missione della Federazione Russa presso l’Unione Europea, Kirill Logvinov, a Bruxelles.

Siebert ha espresso “l’indignazione dell’Unione per la morte del politico dell’opposizione russa Alexey Navalny, per la quale la responsabilità ultima ricade sul presidente Putin e sulle autorità russe“.

Siebert ha invitato la Russia a consentire un’indagine internazionale indipendente e trasparente sulle circostanze della morte improvvisa di Navalny. Ha esortato la Russia “a restituire il corpo alla famiglia senza ulteriori indugi e a consentire alla famiglia di organizzare un funerale“.

Durante la convocazione del diplomatico russo, Siebert ha ribadito che la Russia deve rilasciare immediatamente e incondizionatamente tutti gli altri prigionieri politici, così come tutti coloro che sono detenuti nelle città di tutta la Russia, per aver reso omaggio ad Alexei Navalny.

 

Autore:

Redazione

Per informazioni scrivere a: info@tfnews.it