Smog e ricoveri in ospedale: c’è correlazione

Sono stati realizzate dagli scienziati due ricerche che confermerebbero la correlazione tra incremento dei dati rilevati dello smog  e quello dei ricoveri in ospedale.

In un primo studio, i ricercatori hanno collegato i livelli medi giornalieri di Pm2,5 ai codici postali di residenza di quasi 60 milioni di adulti statunitensi over 65 dal 2000 al 2016, quindi, attraverso dati Medicare hanno monitorato i ricoveri in ospedale di questa popolazione su una media di 8 anni.

Correggendo l’analisi, tenendo conto di fattori economici, sanitari e sociali, gli autori hanno osservato che l’esposizione media al Pm2,5 nell’arco di 3 anni era associata a un aumento delle probabilità di un primo ricovero per 7 tipi di patologie cardiovascolari: cardiopatia ischemica, malattia cerebrovascolare, insufficienza cardiaca, cardiomiopatia, aritmia, cardiopatia valvolare, aneurismi dell’aorta toracica e dell’aorta addominale.

Rispetto a esposizioni al Pm2,5 pari o inferiori a 5 μg/m3, esposizioni comprese tra 9 e 10 μg/m3 erano collegate a un +29% del rischio di ricovero per patologie cardiovascolari. Su scala assoluta, le probabilità di ospedalizzazione sono aumentate dal 2,59% con esposizioni pari o inferiori a 5 μg/m3 al 3,35% con esposizioni di 9-10 μg/m3.

Ciò significa che, se si riesce  a ridurre i livelli di Pm2,5 annuale sotto a 5 µg/m3, e si potrebbe  evitare il 23% dei ricoveri per malattie cardiovascolari, affermano gli scienziati. Con l’adesione alle linee guida Oms si potrebbero dunque ottenere benefici sostanziali, ma i risultati – avvertono i ricercatori – suggeriscono che non esiste una soglia” di smog “sicura per l’effetto cronico del Pm2,5 sulla salute cardiovascolare generale.

I danni cardiovascolari sono persistiti per almeno 3 anni dopo l’esposizione al Pm2,5 e la suscettibilità variava in base a età, istruzione, accesso ai servizi sanitari e deprivazione dell’area di residenza.

Nel secondo studio, gli scienziati hanno considerato le concentrazioni giornaliere di Pm2,5 a livello di contea e i dati relativi alle richieste mediche, per monitorare i ricoveri ospedalieri e gli accessi al pronto soccorso per cause naturali, malattie cardiovascolari e respiratorie di 50 milioni di adulti americani over 18 dal 2000 al 2016. Durante il periodo di osservazione, sono stati registrati oltre 10 milioni di ricoveri e 24 milioni di visite in pronto soccorso.

Gli autori hanno rilevato che l’esposizione a breve termine al Pm2,5, anche a concentrazioni inferiori a quelle fissate dall’Oms, era associata in modo statisticamente significativo a tassi di ricovero più elevati per cause naturali, patologie cardiovascolari e respiratorie, nonché ad accessi al pronto soccorso per cause naturali e malattia respiratoria.

Entrambi i gruppi di ricerca riconoscono diversi limiti nei loro studi, tra cui una possibile classificazione errata dell’esposizione alle polveri fini, e precisano che fattori non misurati potrebbero aver influenzato i risultati.

I dati osservati potrebbero, inoltre, non essere applicabili a cittadini senza assicurazione medica, bambini e adolescenti, e a chi vive fuori dagli Stati Uniti. Per gli scienziati i risultati offrono un importante contributo al dibattito sulla revisione dei limiti” ai livelli di smog, “delle linee guida e degli standard sulla qualità dell’aria.

Complessivamente, concludono, i nuovi dati rappresentano un prezioso riferimento per futuri standard nazionali sull’inquinamento atmosferico.

(Foto Pixabay)

Per informazioni scrivere a: info@tfnews.it