Mondiali di Calcio Femminile

Sport – Campionato Mondiale di Calcio Femminile: al via la nona edizione

Il mondo si è unito oggi per celebrare l’inizio del Campionato Mondiale di Calcio Femminile 2023, un evento sportivo straordinario che mette in luce l’abilità, la grinta e la passione delle atlete di tutto il pianeta.

Con competizioni calcistiche organizzate a livello internazionale, questo torneo è un’importante piattaforma per promuovere l’uguaglianza di genere e l’empowerment delle donne nel mondo dello sport. Questa 9ª edizione del Campionato Mondiale di Calcio Femminile si svolge in Australia e Nuova Zelanda, segnando per la prima volta che il torneo si tiene in due nazioni. Gli sforzi congiunti di Australia e Nuova Zelanda hanno dato vita a un’atmosfera unica di unità e collaborazione, dimostrando il potere dello sport nel superare le barriere geografiche e culturali.

Il torneo è organizzato dalla FIFA (Federazione Internazionale del Calcio), che ha lavorato istantaneamente per promuovere il calcio femminile a livello globale. Con il continuo impegno a favore dell’uguaglianza di genere nel calcio, la FIFA ha contribuito a rendere il torneo un evento di grande rilevanza e prestigio. Le atlete che giocano a questo torneo non sono solo giocatrici eccezionali, ma sono anche modelli positivi per le giovani donne e le ragazze in tutto il mondo. Il loro impegno, la dedizione e l’eccellenza sul campo dimostrano che le donne possono eccellere in qualsiasi disciplina, sfidando stereotipi e pregiudizi di lunga data.

Oltre alla pura competizione sportiva, il Campionato Mondiale di Calcio Femminile ha un impatto sociale significativo. Attraverso la diffusione dei valori di giustizia, rispetto e uguaglianza, il calcio femminile è in grado di ispirare cambiamenti positivi nella società. Gli sforzi volti a promuovere l’uguaglianza di genere e la partecipazione delle donne nello sport aiutano a creare una società più inclusiva e consapevole.

L’evento unisce appassionati di calcio, tifosi, sponsor e media di tutto il mondo, creando un ambiente unico e stimolante in cui le voci delle donne possono essere ascoltate e rispettate. Il torneo offre anche l’opportunità di esplorare nuove culture, ampliare gli orizzonti e favorire la comprensione reciproca tra popoli diversi.

La storia del Campionato Mondiale di Calcio Femminile

Sono 6 i Paesi che hanno finora ospitato il Campionato Mondiale di Calcio Femminile : Cina nel 1991 e 2007 e Stati Uniti nel 1999 e 2003, mentre Svezia, Germania, Canada e Francia una sola volta. Le campionesse in carica sono quelle delle Stati Uniti, che hanno vinto l’edizione del 2019.

Ideato nel 1991 dal presidente della Fédération Internationale de Football Association João Havelange, la prima edizione del torneo, allora detto Women’s World Championship, si svolse nel 1991 in Cina. Questo primo torneo inaugurale, al quale presero parte 12 squadre nazionali, vide il predominio dagli Stati Uniti, trascinati dalle tre attaccanti Michelle Akers, Carin Jennings e dal capitano April Heinrichs, autrici di 20 gol nelle 6 gare giocate.

L’attuale format della competizione prevede otto gironi da quattro squadre e le migliori due compagini di ciascuno raggruppamento avranno accesso agli ottavi di finale, che daranno il via alla fase a eliminazione diretta della competizione. L’Italia nel 2019, in Francia, seppe spingersi fino ai quarti di finale e replicare quel traguardo non sarà assolutamente facile.

Quando giocano le Azzurre

Le nostre Azzurre scenderanno in campo il 24 luglio alle 8 del mattino orario italiano, contro l’Argentina. La seconda partita, quella del 29 luglio alle ore 9:30 sempre orario italiano, sarà contro la Svezia. Il 2 agosto chiuderanno il primo girone del loro gruppo G sfidando le rivali del Sud Africa.  Tutte le partite dell’Italia del Campionato Mondiale di Calcio Femminile saranno trasmesse in diretta dalla Rai e in streaming su RaiPlay. Non solo, come annunciato dalla FIGC: “i diritti di trasmissione riguardano 15 partite della manifestazione iridata, comprese tutte le gare della Nazionale italiana, la partita inaugurale, le due semifinali e la finale. L’accordo con la FIFA, poi, prevede, oltre a quelli sui Mondiali femminili 2023 anche i diritti di trasmissione del pacchetto “FIFA Other Events 2024/2027”, ovvero i mondiali giovanili U20 e U17, sia maschili sia femminili, e alcuni documentari prodotti dalla FIFA e dedicati ai Mondiali femminili“.

Risultato delle prime partite

Nella giornata di oggi le due Nazioni ospitanti sono scense in campo per dare il via alla manifestazione. La Nuova Zelanda batte la Norvegia per 1 – 0; si è capito subito che per le scandinave sarebbe stato un match complicato: merito dell’aggressività delle Football Ferns, le quali hanno messo in grandissima difficoltà le ragazze di Riise, impossibilitate a creare trame di gioco per innescare Hegerberg e Graham. Il gol decisivo arriva al 48′ del primo tempo con Wilkinson.

Anche l’Australia batte l’irlanda 1 – 0; dopo un primo tempo con poche occasioni e sotto il controllo delle australiane, a sbloccare la partita dal dischetto è stata Catley dopo l’inizio della ripresa. La squadra di Gustafsson, privata della capitana e bandiera Sam Kerr per i primi due match del Mondiale causa infortunio, è considerata una delle Nazionali favorite per la conquista della coppa di questo Campionato Mondiale di Calcio Femminile.

 

 

Per informazioni scrivere a: info@tfnews.it