Iris Apfel

Iris Apfel: la signora dello stile e della moda compie 100 anni

Iris Apfel nasce a New York nel 1921 quando le donne erano destinate solo alla cura della famiglia e dei figli. Ma lei non ha mai pensato di fare questo. Lei è stata destinata a qualcosa di più grande. 

Saranno i suoi genitori a spingerla agli studi universitari e ad insegnarle ad ascoltare istinto e curiosità. E questa stessa curiosità che ancora oggi la rende la regina dello stile. Il suo motto è sempre stato “More is more & less is Bore” ovvero “più è più e il meno è noioso” e con questo che continua a lasciare il suo segno.

Iris Apfel ha sempre considerato il lavoro una salvezza e la creatività il modo migliore per tenersi in forma ed essere felici; la proprietaria di Loehnmann’s, grande magazzino di Brooklyn, quando era giovane le disse “Non sei bella e mai lo sarai, ma non importa, tu hai qualcosa di meglio: tu hai stile” e aveva ragione da vendere. Iris Apfel è una delle prime donne a indossare il denim, negli anni ’40, quando studiava storia dell’arte all’università di New York. 

Vestirsi per lei è un’arte anti-noia dove l’eccesso diventa classe, dove essere sempre sé stessa senza mai scimmiottare nessuno. È stata proprio l’esuberanza dei suoi look a convincere nel 2005 Harold Koda, allora Presidente del prestigioso Costume Institute del Metropolitan Museum di New York, a contattarla per allestire una mostra con alcuni dei suoi capi e accessori: Rara Avis: The irreverent Iris Apfel. Doveva essere una mini rassegna, diventò un evento eccezionale con oltre 80 outfit e centinaia di accessori.

Nella sua carriera è stata scelta da nove Presidenti degli Stati Uniti come interior design per rivedere gli interni della Casa Bianca. “Ho più di 90 anni, ma me ne sento 5 e mezzo perché guardo ancora il mondo come se lo stessi scoprendo per la prima volta” disse qualche anno fa a chi le chiedeva come facesse ad essere ancora così stilosa e contemporanea. La Mattel le dedicò una bambola con i suoi immancabili occhialoni e la chioma bianca. Gli occhiali sono per lei da sempre simbolo e firma di riconoscibilità; con un archivio personale che comprende montature e lenti sia da vista che da sole senza precedenti. Considerato da varie fonti tra le più grandi collezioni personali mai esistite.

Iris Apfel è diventata anche un’icona di pensiero, nota per il suo anticonformismo, la sua intelligenza e la sua voce sempre fuori dal coro. E tutto lo si può ritrovare nella sua autobiografia uscita nel 2019 e ancora oggi uno dei libri più venduti al mondo nel campo della moda: Iris Apfel, icona per caso. Riflessioni di una star della terza età. Uno scrigno di foto, disegni, colori, aneddoti, spunti di stile, consigli, provocazioni. “Non ho mai cercato di omologarmi, per sentirmi appagata dovevo essere me stessa. Se uno cambia in base a chi ha di fronte, finisce per essere considerato un signor Nessuno“.

Per informazioni scrivere a: info@tfnews.it