vaccini notturni

Vaccini Dj Set: a Torino ci si vaccina a suon di musica. Fino alle 3 di notte

Mille i vaccini a disposizione per mille ragazzi. “Un sabato sera alternativo” ha detto una ragazza in attesa di ricevere il vaccino.  Per la prima volta dopo mesi un migliaio di giovani tra i 18 e i 28 anni del capoluogo piemontese, ha avuto la possibilità di violare legalmente il coprifuoco.  

Fino alle tre del mattino sono state fatte punture a centinaia di ragazzi che si sono messi in fila in maniera ordinata e composta. Nell’hub di Reale Mutua dalle 21:30 alle 3 i ragazzi hanno avuto la possibilità di ricevere i vaccini in un ambiente “conosciuto“: quello della musica da discoteca.

Un’iniziativa realizzata in collaborazione tra Reale Group, Asl Città di Torino, CDC e Regione Piemonte che, come già annunciato dal governatore Alberto Cirio “verrà replicata perché c’è davvero tanta voglia di ripartire insieme“. Soddisfatta anche l’Assessore Regionale all’Istruzione Elena Chiorino che ha dichiarato: “Il nostro è un segnale di attenzione nei confronti dei giovani che dopo mesi di chiusura in casa hanno diritto di cominciare a vivere. Abbiamo voluto cominciare con questa iniziativa ma se il modello funziona pensiamo di ripeterla grazie ad altri sponsor che stanno sostenendo la nostra proposta“.

Virginia Antonini, direttore comunicazione istituzionale di Reale Group, è molto contenta della risposta dei giovani e dell’iniziativa: “E’ un anno e mezzo che non si divertono, abbiamo provato a mettere in campo tutte le nostre energie perché si potessero divertire anche in questa occasione“. L’iniziativa ha riscosso un grandissimo successo; in soli tre minuti sono stati prenotati i mille posti messi a disposizione. A convincere i giovani a farsi vaccinare sotto le stelle è stata la possibilità di star fuori casa per una notte; grazie alla giustificazione data dal messaggio di convocazione.

Il vaccino più somministrato durante la open-night è stato quello di Astrazeneca: “uno vale l’altro, basta che mi vaccinino“, hanno ripetuto i giovani che si sono presentati.


Per informazioni scrivere a: info@tfnews.it